loading
  • Prestazioni elevate e basse emissioni per i motori di nuova Corsa e ADAM ROCKS
  • Il Vice Presidente Opel Joachim Koschnicke ha presentato il motore a Szentgotthárd insieme al Vice Ministro Ungherese per il commercio estero Peter Szijjarto
  • Il più moderno stabilimento di motori Opel produce ora tre famiglie di propulsori sulla stessa linea

 

Rüsselsheim/Szentgotthárd.  La produzione in serie della nuova famiglia di piccoli motori benzina (SGE - Small Gasoline Engines 1.0 ECOTEC Turbo a Iniezione Diretta) è partita ufficialmente con la cerimonia che si è svolta presso lo stabilimento Opel più nuovo e flessibile di Szentgotthárd, nell’Ungheria Occidentale alla presenza di Joachim Koschnicke, Opel Vice President Government Relations e Public Policy e il Vice Ministro Ungherese per il commercio estero Peter Szijjarto. Con l’aggiunta di questo nuovo propulsore, lo stabilimento costruisce ora tre diversi motori sulla stessa linea, e offre un’ampia gamma di motorizzazioni per i nuovi modelli Opel.

 

“Lo stabilimento flessibile di Szentgotthárd svolge un ruolo importante nella nostra strategia di prodotto. Tra oggi e il 2018, sul mercato giungeranno 27 nuovi modelli Opel e 17 nuovi motori e molte di queste novità motoristiche saranno costruite qui”, ha dichiarato Joachim Koschnicke, Opel Vice President Government Relations e Public Policy. “Dimostriamo con grande chiarezza che Opel è tornata. Opel è all’attacco. La nostra offensiva di modelli è in pieno svolgimento, e i motori ne costituiscono un elemento molto importante.”

 

Koschnicke ha anche parlato della strategia di lungo termine dell’azienda: “Abbiamo definito obiettivi chiari che vanno da oggi al 2022. Il nostro primo obiettivo è passare dal terzo al secondo posto nel mercato europeo delle vetture. Intendiamo raggiungere questo traguardo con una quota di mercato dell’8% in Europa e del 10% in Germania nel 2022.”

 

L’Ungheria è uno degli 11 paesi dove Opel ha visto crescere la propria quota di mercato nella prima metà del 2014. Opel è il marchio numero uno in Ungheria da tre anni (per le vetture) e nella prima metà dell’anno ha visto crescere le proprie vendite nel paese del 68%. E’ più del doppio della crescita media del mercato e garantisce a Opel una quota di mercato superiore al 13% e un netto primo posto nel paese.

 

Tamás Solt, Direttore di Stabilimento, ha dichiarato: “Lo scorso anno nella vecchia struttura abbiamo costruito prevalentemente motori 1.6 litri da 115 cv. Ne abbiamo realizzati 354.000, di cui solo 15.000 erano prodotti Flex. Al confronto, quest’anno 100.000 dei 400.000 motori saranno già Flex. Il prossimo anno, più della metà dei 500.000 motori saranno prodotti Flex.”

 

Il nuovo stabilimento Flex di Szentgotthard è stato realizzato con un investimento di 700 milioni di euro e ha una capacità costruttiva di 600.000 motori all’anno. La tecnologia presente rende questo stabilimento una delle strutture produttive automotive più flessibili al mondo, in grado di produrre tre diverse famiglie di motori sulla stessa linea. Opel vi costruisce già il nuovo turbo benzina 1.6, e il turbo diesel 1.6 e ora si aggiungeranno anche i motori benzina di piccola cilindrata. Si tratta di propulsori caratterizzati da prestazioni elevate e basse emissioni, più una eccellente fluidità e livelli di insonorizzazione molto elevati.

 

Il turbo tre cilindri 1.0 da 115 cavalli è solo il primogenito di questa famiglia di motori compatti a benzina, che comprenderà molte applicazioni diverse tra 1 e 1,4 litri. Il motore da 115 cv debutterà sulla nuova ADAM ROCKS – il crossover urbano Opel – e sarà presente anche sulla nuova Corsa che giungerà sul mercato a fine anno, nella versione da 90 cavalli.

vai al bottone sopra